NEWS RECENTI

Iscriviti e riceverai tutte le ultime news

frasi-angela2“Dobbiamo essere grati alle persone che ci rendono felici, sono gli affascinanti giardinieri che rendono la nostra anima un fiore”, abbiamo scelto questa citazione del grande Proust per parlare di un sentimento che è la costante compagnia della persona saggia e felice: la gratitudine.

Il Dizionario Treccani la definisce: “Sentimento e disposizione d’animo che comporta affetto verso chi ci ha fatto del bene, ricordo del beneficio ricevuto e desiderio di poterlo ricambiare” mettendo in evidenza aspetti che faremmo bene a tenere a mente se ci teniamo alla nostra felicità.

Tante persone di successo, infatti, riconoscono il valore della gratitudine e dedicano al ringraziare qualche momento della propria giornata. Come insegna il grande coach Tony Robbins, infatti, può essere utile creare un piccolo rito quotidiano per coltivare la gratitudine. Possiamo, ad esempio, iniziare la giornata pensando per qualche minuto alle tre cose per cui siamo più grati (l’acqua della doccia, l’aria del mattino, il profumo del caffè); poi dedichiamo 7/8 minuti a pensare ai nostri obiettivi per i prossimi 6/12 mesi e pensiamo a questi traguardi come se li avessimo già raggiunti; infine ringraziamo con un semplice “Grazie!”.

Con questo semplice accorgimento, stiamo predisponendo la mente in modo positivo; con un po’ di costanza i risultati non tarderanno a manifestarsi, scacciando tra l’altro la paura e la rabbia.

Annotare su un taccuino, giorno per giorno, le cose per cui siamo grati, fare quello che qualcuno chiama il “Diario della Gratitudine” può essere un altro modo, magari per chi preferisce scrivere piuttosto che visualizzare con la mente.

In entrambi i casi, la gratitudine aiuta a vivere meglio, a lasciar andare il dolore emozionale, a migliorare le relazioni, a essere più felici e vivere meglio; in questo modo, infatti, si modifica la struttura neuronale del cervello, si attivano le aree legate all’intelligenza emotiva, alla creatività e al buonumore. Sempre che, ovviamente, la pratica sia disciplinata e costante.

No comments yet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: